Recensione del libro Wild, Natura selvaggia d’Europa

La recensione del libro di oggi e’ Wild, natura selvaggia d’Europa

“Per oltre 14 mesi, 68 fotografi naturalisti hanno percorso 48 paesi per rivelare l’incredibile diversità della natura selvaggia d’Europa”

Il libro che vi voglio presentare oggi non tratta di tecnica fotografica, ma raccoglie una serie di fotografie realizzate da vari fotografi provenienti da diversi stati europei.

E’ un’opera collettiva che fa parte del progetto Wild Wonders of Europe, ideato per la salvaguardia della natura europea.

In poco più di un anno, è stata creata una banca di immagini di quasi 200.000 foto che ritraggono il patrimonio naturale europeo. Da questa mole di opere sono state tratte le bellissime foto che compongono questo volume, oltre a audiovisivi, mostre espositive e conferenze che sono approdate in tutti i paesi europei.

Gli autori principali del volume sono Peter Cairns (fotografo e scrittore scozzese), Florian Möllers (fotografo, editore e biologo) e Staffan Wildstrand (scrittore e fotografo), tutti e tre vincitori dei concorsi Wildlife Photographer of the Year e European Nature Photographer. A loro si aggiunge la consulente di marketing, biologa ed esperta di ecoturisimo  Bridget Wijnberg.

Nelle quasi trecento pagine, stampate su carta di ottima qualità, troviamo immagini di paesaggi che quasi non sembrano appartenere al nostro continente per quanto sono incontaminati. Foto di animali, insetti, fiori e piante completano il quadro. Oltre a questi scatti di altissima qualità, ci sono dei brevi paragrafi in cui vengono spiegate le problematiche legate ai vari ambienti immortalati.

Titolo del libro

Wild, Natura selvaggia d’Europa

Editore

L’ippocampo

Giudizio personale

Condividi l’articolo con gli amici

E’ un libro adatto a tutti, sia agli amanti della fotografia naturalistica (per prender spunto e per vedere cosa vuol dire realizzare una foto di alto livello in questo campo) sia a chi ama la natura in genere. E’ un libro da regalare e regalarsi.

About Piero Pausin

Piero Pausin, classe 1985, si appassiona alla fotografia e privilegia da sempre il digitale, accompagnando gli scatti ad elaborazioni personali che però non stravolgono mai la realtà. Nel corso degli anni ha approfondito diversi stili di fotografia, scoprendo la sua strada nel ritratto e nel reportage, trovando sempre il tempo per qualche foto a paesaggi incontaminati in orari e posti scomodi. Nel 2009, spinto dalla volontà di creare un punto di incontro e di formazione per i fotografi del nordest d’Italia, fonda assieme ad alcuni amici Fotonordest, un’associazione fotografica che in pochi anni si afferma sul territorio coinvolgendo oltre 1400 fotografi