Obiettivo Annie Leibovitz

By 15 Giugno 2015Marzo 10th, 2016Blog Fotografico, Libri Fotografici

Oggi parliamo di un prodotto editoriale diverso, “Obiettivo Annie Leibovitz“, un cofanetto composto da un DVD e da un libro.

Feltrinelli Real Cinema, in collaborazione con Lucky Red, propone un cofanetto in cui troviamo un libretto, scritto da Luca Scarlini (Dietro una lente: vita e fotografie di Annie Leibovitz, 80 pagine), e un documentario, diretto dalla sorella Barbara Leibovitz.

Nel DVD viene ritratta la fotografa Annie Leibovitz, raccontando la sua storia, sia artistica che personale, dai primi approcci alla fotografia (con le foto scattate nella base americana delle Filippine durante la guerra del Vietnam)  alla fama internazionale data dalla collaborazione decennale con la rivista Rolling Stones prima e con Vanity Fair in un secondo momento. Oltre a numerose foto d’archivio, il documentario presenta numerosi backstage realizzati sui set fotografici e interviste a personaggi illustri del mondo dello star system, dell’arte e della politica mondiale (Rolling Stones, Ilary Clinton e Mikhail Baryshnikov, solo per fare degli esempi).

Raccontando la storia delle sue fotografie più illustri (chi non ricorda la copertina di Rolling Stones con John Lennon nudo abbracciato a Yoko Ono vestita o quella di Vanity Fair con Demi Moore incinta nuda?) si delinea la storia della Leibovitz ma, anche, la storia della musica e della moda dagli anni 70 ai giorni nostri.

Titolo del libro

Obiettivo Annie Leibovitz

Editore

Feltrinelli Real Cinema in collaborazione con Lucky Red 

Giudizio personale

Condividi l’articolo con gli amici

A chi consiglio la visione di questo film? Direi a tutti, non solo agli appassionati di fotografia. Amanti del rock, della moda, del cinema … ma anche semplici curiosi non resteranno delusi. E’ un documentario coinvolgente e mai noioso in cui non vengono utilizzati termini tecnici del mondo fotografico.

About Piero Pausin

Piero Pausin, classe 1985, si appassiona alla fotografia e privilegia da sempre il digitale, accompagnando gli scatti ad elaborazioni personali che però non stravolgono mai la realtà. Nel corso degli anni ha approfondito diversi stili di fotografia, scoprendo la sua strada nel ritratto e nel reportage, trovando sempre il tempo per qualche foto a paesaggi incontaminati in orari e posti scomodi. Nel 2009, spinto dalla volontà di creare un punto di incontro e di formazione per i fotografi del nordest d’Italia, fonda assieme ad alcuni amici Fotonordest, un’associazione fotografica che in pochi anni si afferma sul territorio coinvolgendo oltre 1400 fotografi